Teoria, metodo e progetto di ricerca

Fig. 4Nelle sue ricerche, Brescia sostiene che le più grandi religioni e scienze della storia – comprese l’antica filosofia greca, la moderna scienza nel Rinascimento e quella olistica che oggi si sta sviluppando – affondano le loro radici nell’antichissima tradizione dei Magi (che perciò definisce anche olismo originario). Ritiene che, secondo i miti, le sue origini sono prediluviane e che, ripartendo dall’antica Cina, questa tradizione si è poi diffusa in Oriente, Medioriente e infine in Occidente.

Nei suoi scritti riporta che ve ne sono tracce nelle antiche civiltà cinese, indiana, caldea, babilonese, egiziana, turca, persiana, ebraica, greca, romana, ecc. e che questa tradizione, nella storia antica e moderna, si è diramata e ha assunto molti nomi: pitagorismo, platonismo, gnosticismo, esoterismo, alchimia, prisca teologia, ermetismo, filosofia perenne… o semplicemente Tradizione. Sostiene inoltre che la sapienza dei Magi era in parte segreta (perciò detta esoterica o ermetica) e basata su quattro discipline universali, ricche di simboli e ancor oggi fondamentali: matematica, geometria, musica e astronomia (che definisce nell’insieme geoaritmetrica).

Partendo da tali premesse, Brescia propone un metodo di ricerca interdisciplinare e decifrativo (non interpretativo) basato su quelle quattro discipline universali: ritiene cioè che se le antiche religioni, arti e scienze erano strettamente collegate tra loro, vanno studiate in modo interdisciplinare; e che le verità e i livelli di conoscenza più profondi delle civiltà antiche e non solo – contenuti soprattutto nei testi mitologici e religiosi (compresi Bibbia e Vangelo) e nelle opere d’arte sacra – non possono essere svelati solo con una corretta traduzione e interpretazione ma è indispensabile scoprire i loro codici di decifrazione.

La sua ricerca (Progetto “La scienza olistica” © 2000) propone tre obiettivi principali:

fig. 11

  • Recuperare e sviluppare le conoscenze e le pratiche della tradizione dei Magi ancora oggi valide (matematiche, geometriche, musicali, astronomiche ma anche mediche, come la medicina cinese e la sua agopuntura, educative ed evolutive, come la arti marziali, il qigong, ecc.) e infine strutturare un modello olistico di scienza in grado di comprendere non solo le leggi fisiche e mentali ma anche quelle della dimensione spirituale con i suoi percorsi di evoluzione;
  • Ritrovare le radici comuni delle maggiori religioni, rintracciabili nella tradizione dei Magi, per sviluppare una religione universale;
  • Riscrivere molte pagine della storia (scelte, conflitti, personaggi, luoghi, date, teorie e scoperte scientifiche, ecc.) alla luce delle tracce della tradizione dei Magi e delle sue molteplici diramazioni (dalle religioni ufficiali a quelle esoteriche). La storia umana sembrerebbe infatti un’eterna lotta tra due massimi modelli: quello olistico (del filone dei Magi), che non separa ragione (scienza) e fede (religione) ossia indaga scientificamente anche la dimensione spirituale; e quello dualistico, che invece separa queste due dimensioni, divide il mondo in razionale e irrazionale e induce ad accettare religioni e principi dogmatici.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...